CHI SIAMO

Cantieri Creativi è progettato e realizzato dall’Associazione Mecenate 90 in collaborazione con il Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo e il Dipartimento di Architettura dell’Università Roma Tre.

Mecenate 90 è un’associazione senza scopo di lucro, nata nel 1990 per favorire la collaborazione tra soggetti pubblici e privati per la valorizzazione e la gestione dei beni culturali e per la promozione del turismo culturale. Tra le sue attività principali quella di elaborare studi, piani e progetti per la valorizzazione del patrimonio culturale, esaltandone il valore economico e la capacità di incidere sullo sviluppo socio-economico del territorio. È specializzata nella realizzazione di studi di fattibilità per la individuazione di modelli gestionali applicabili ai beni culturali, nell’elaborazione di piani integrati per lo sviluppo turistico-culturale di territori su scala provinciale e subprovinciale (piani integrati d’area, sistemi turistici locali, distretti, ecc.) e nella redazione di piani strategici per lo sviluppo turistico di città d’arte. Nell’ambito di tali attività, realizzate prevalentemente per conto di Amministrazioni comunali e provinciali e di Soprintendenze statali, Mecenate 90 svolge attività di studio, eroga servizi di accompagnamento e di assistenza tecnica a processi di concertazione e di partenariato locale, elabora studi di fattibilità per la costituzione di sistemi di gestione dell’offerta museale e di spettacolo, svolge attività formativa ed editoriale, progetta e organizza convegni, seminari ed eventi di carattere culturale.

Il Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo di Roma Tre nasce dalla convergenza di una pluralità di competenze che intendono interagire nel campo della ricerca e nell’organizzazione dell’offerta formativa. Dal punto di vista scientifico si pone due obiettivi prioritari e interdipendenti: il perseguimento di livelli di eccellenza nei singoli ambiti di ricerca e il dialogo interdisciplinare tra le diverse aree. Per la realizzazione di questi obiettivi, il Dipartimento si avvale di docenti che si occupano di Filosofia, di Comunicazione, di Scienze del linguaggio, di Scienze storiche, di Antropologia culturale, di Cinema, Televisione, Media, Teatro, Musica e Danza. Tutto questo al fine di realizzare una cooperazione articolata di saperi, in grado di dialogare con le forze produttive della società e con le istituzioni affinché le capacità e le conoscenze espresse dal Dipartimento divengano protagoniste del processo sociale.
Dal punto di vista didattico i Corsi di laurea afferenti al Dipartimento mirano anzitutto all’acquisizione di capacità critiche di analisi nei contesti delle arti, dello spettacolo, filosofici, storici, delle scienze del linguaggio, delle scienze sociali e dei fenomeni comunicativi. A tal fine offre agli studenti i principi fondamentali e gli strumenti critici per accrescere e incrementare il patrimonio culturale in ambito filosofico, storico, comunicativo, linguistico e dello spettacolo nonché per valorizzare la capacità di comprensione e l’uso degli strumenti metodologici necessari a elaborare idee originali in un contesto autonomo di ricerca.

Il Dipartimento di Architettura dell’Università Roma Tre ha come obiettivo quello di sostenere, attraverso la ricerca e la didattica, l’impegno degli studenti, dei docenti e dei ricercatori nelle attività di studio e sperimentazione necessarie allo sviluppo del progetto di architettura, nell’ampio e variegato spettro delle sue declinazioni. L’impegno culturale, didattico e scientifico si orienta verso tematiche in continua evoluzione, in rapporto al contesto internazionale, al patrimonio della tradizione storica locale, ai valori etici, con attenzione costante alle mutazioni della società contemporanea. A tal fine, è decisiva la pluralità disciplinare del Dipartimento, che integra le conoscenze e i metodi tipici di ambiti fra loro molto diversi e con essi compone una sintesi capace di fornire gli strumenti per un agile orientamento scientifico e un’appropriata valutazione critica della complessità della progettazione. La ricerca si orienta sia verso questioni di base, con chiari intenti formativi metodologici, sia verso approfondimenti sperimentali, rivolti agli aspetti tecnico-specialistici delle diverse discipline. La didattica si struttura su tre cicli attraverso un disegno rigoroso: al primo ciclo è affidata la responsabilità di un’articolata e completa formazione di base; al secondo ciclo, quella del raggiungimento di un’evoluta ed esauriente capacità professionale, con specifici orientamenti culturali e operativi; al terzo ciclo, quella di un approfondimento aggiornato e originale.